21.12.10

Minimalismi

QUI c'è un pezzo sull'interessante progetto grafico portato avanti da Antrepo. Il succo della questione è che allo stato attuale, minimalizzare la grafica di prodotti oramai ben consolidati sul mercato potrebbe portare effetti positivi.
Da qui nasce lo spunto per una riflessione: Sfinare le nostre "opere", renderle più semplici ed esser capaci di evidenziare i tratti essenziali che le caratterizzano è una qualità che piano piano si sta perdendo. Si badi bene, non mi riferisco solamente a disegni, composizioni ed altre cose aventi a che fare con la grafica, ma anche alla costruzione degli ambienti attorno a noi, del nostro "stile" nel vivere la vita o altro. In generale credo si debba prestare ben attenzione alla capacità di individuare ciò che più è importante, costruendogli il resto sopra ed eliminando o mettendo comunque da parte, tutta una serie di cose accessorie che rischiano solamente di appesantire l'occhio così come la mente. Sicuramente non è una cosa facile, ma mi sembra valga la pena di provare.
In conclusione non posso non citare le opere di Olly Moss, fantastica illustratrice e autrice di numerose locandine di film famosi in stile più minimalista. Vi invito a dare un occhio a tutto il suo sito, emblema stesso del minimalismo.


2 commenti:

  1. Sono proprio curiosa di scoprire quanti marchi aderiranno all'iniziativa. Tra l'altro quello della Nutella e di Mr.Muscolo sono stupendi.
    A me piace molto il minimalismo, tra l'altro lo ero molto a scuola, soprattutto nella stesura di temi. Solo che le mie prof d'italiano non l'hanno mai apprezzata questa mia dote.
    V.

    RispondiElimina
  2. Regali, pranzi, cene, auguri... c'è tanto per cui essere ansiosi.

    RispondiElimina

Avrò piacere in un commento, ancor più se firmato, Grazie.